La direttiva UE sulla protezione dei volatili selvatici


gli uccelli selvatici vanno salvati

Oggi riportiamo una news relativa alla revisione della direttiva sui volatili, promulgata dall’Unione Europea.

Si tratta della direttiva europea per la protezione degli uccelli selvatici che risale al 1979 e che, partendo dalla considerazione
che gli uccelli non conoscono frontiere, ha generato ad un’efficace cooperazione  trans-frontaliera per garantire la conservazione delle specie in via d’estinzione.
Nel suo trentesimo anniversario, i legislatori europei hanno avviato  una revisione che intende rendere questa legge più attuale e semplice. Infatti, la lgge originaria è caratterizzata da corredata da parti dense di nomi e acronimi latini per lo più incomprensibili: solo un ornitologo esperto potrebbe decifrare gli annessi della direttiva europea. Da questa direttiva si evince che tutti gli uccelli selvatici sono sotto tutela: ne è proibita la caccia, non possono essere uccisi volontariamente, è vietato distruggere o prelevare uova e nidi, e non è possibile arrecare loro disturbo,
specialmente nei periodi della riproduzione. Lo sviluppo economico e l’urbanizzazione minacciano seriamente la fauna volatile; in particolare, l’inquinamento, gli insediamenti umani e le attività agricole su grande scala, le quali interferiscono con la catena alimentare dei volatili e ne alterano l’habitat naturale. La direttiva, inoltre, istituisce e indica le aree protette per gli uccelli, indicando anche i criteri ecologici per la gestione degli ecosistemi delle differenti specie.
La revisione della direttiva ha lo scopo di includere nuove disposizioni contenute in leggi successive, semplificando  e raggruppando tutto in un’unica direttiva. E ogni tre anni sarà elaborata e comunicata agli Stati membri dell’Unione Europea membri una relazione riassuntiva con le informazioni raccolte da ogni Stato relativamente all’applicazione delle disposizioni nazionali adottate secondo la direttiva.

Fonte: Ansa

Contrassegnato da tag , , ,

2 thoughts on “La direttiva UE sulla protezione dei volatili selvatici

  1. anna scrive:

    e’ possibile prendere nidi di merli,tenerli in casa e costringere la madre merla a peripezie x nutrirli???? vorrei sapere se e’ illecito o no,grazie Anna

  2. valcucine scrive:

    Se per peripezie si intende mettere gli uccelletti in gabbia affinche stiano in un luogo protetto, fissando la stessa nelle vicinanze di dove si trovava il loro nido (caduto per lavori, per il temporale, per qualche animale domestico…) allora è una soluzione possibile; se continuano a nutrirli i genitori (di solito avviene così, perchè anche tra gli animali i genitori sono apprensivi e molto attenti) è la soluzione migliore affinche non si imprintino con qualche uomo che ha optato di nutrirli artificialmente lui. Ovviamente, quando sono ad un livello quasi completo di sviluppo del piumaggio biosogna aprirgli le porte e lasciare che escano, o farli uscire, facendo attenzione alle furbizie di gatti e cani.
    Ci tanga aggiornati su come procede!

    Paola,
    Bioforest Onlus

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: