Populus – Tra i rami dell’infinito


Populus – Tra i rami dell’infinito – 365 immagini di Paola Doretto, musiche di Teho Teardo
Dal 9 al 30 maggio 2010 pressto il Convento di San Francesco – Piazza della Motta (Pordenone)

Descrizione dell’evento:
Inaugurazione: sabato 8 maggio ore 18.00
Orari: dal martedì al venerdì ore 16.00 – 20.00, sabato e domenica ore 10.00 – 20.30

L’installazione
Decine di fitocelle di pioppo; 365 fotografie di un pioppo del parco del Seminario scattate giorno dopo giorno per un anno; un pilastro espositore in legno di quattro metri che funge da supporto per le immagini suddivise per stagione e da un reticolo in tondino di ferro cha ha la funzione di sostenere foglie di pioppo seccate. Luci tangenti illuminano le strutture, voci femminili recitano poesie con il sottofondo delle musiche composte per l’evento da Teho Teardo. Scenografie olfattive e aree di “raccoglimento” completano la suggestiva installazione. Conclusa la mostra, le fitocelle saranno piantate dal Comune nel proprio territorio.

Populus si inserisce nell’ambito di Humus Park, la manifestazione di Land art giunta alla seconda edizione che sarà realizzata nel parco del Castello di Torre.

Gli artisti
Paola Doretto (Pordenone, 1957) è figlia d’arte, il padre pittore dipinse quasi per tutta la vita paesaggi, case e alberi. Da lui apprende “la cosa più importante per un artista, il senso dell’infinito”. Il primo tentativo artistico è stato nella scrittura, la poesia, un amore sempre vivo. Ha lavorato in editoria come redattrice (Edizioni Biblioteca dell’Immagine) e collaborato per molti anni con studi fotografici per l’allestimento dei set. Come vetrinista , volontaria dipinge, produce piccole sculture, tutto orientato all’arte povera. Nel 2005 espone in uno spazio che una commerciante illuminata dedica agli artisti preferiti  e poi si avvicina  alla natura elaborando materiale di risulta dalle passeggiate al mare o nei campi: un nido abbandonato, foglie, rami. Fino ad arrivare al lavoro di Populus, la traversata di un anno, che dimostra come il tempo scorra e come mai un giorno sia uguale all’altro. E quanto un semplice pioppo possa  regalarci in bellezza e ispirazione.

Teho Teardo (Pordenone) compositore e musicista, si dedica all’attività concertistica e discografica pubblicando dischi che indagano il rapporto tra musica elettronica e strumenti tradizionali. Ha realizzato colonne sonore per importanti registi come Gabriele Salvatores, Paolo Sorrentino, Andrea Molaioli e Guido Chiesa. Ha vinto il Ciak d’Oro per la migliore colonna sonora ed ha ottenuto una nomination al Nastro d’Argento e due nomination ai David di Donatello. Nel 2009 vince il premio Ennio Morricone all’Italia Film Fest ed il David di Donatello per il film Il Divo. Con la compagnia teatrale Socìetas Raffaello Sanzio realizza lo spettacolo Ingiuria con il violinista Alexander Balanescu e Blixa Bargeld degli Einsturzende Neubauten. Collabora con importanti artisti della scena internazionale come Erik Friedlander, Blixa Bargeld, Lydia Lunch, Placebo, Girls Against Boys e molti altri.

L’iniziativa è cuarata dall’Assessorato alle Politiche Sociali e l’Assessorato alla Cultura del Comune di Pordenone, in collaborazione con la Direzione centrale risorse agricole naturali e forestali della Regione e con il supporto degli Amici della Cultura. L’evento viene realizzato in collaborazione con Humus Park.

Organizzatore: Comune di Pordenone
Contatti:
attivitaculturali@comune.pordenone.it
http://www.populusnigra.net

Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: