Eco Aforismi

  1. Trattiamo bene la terra su cui viviamo: essa non ci è stata donata dai nostri padri, ma ci è stata prestata dai nostri figli.(Proverbio Masai)

  2. Questo noi sappiamo: la terra non appartiene all’uomo, è l’uomo che appartiene alla terra. Tutte le cose sono collegate, come il sangue che unisce una famiglia. Non è stato l’uomo a tessere la tela della vita, egli ne è soltanto un filo. Qualunque cosa egli faccia alla tela, lo fa a se stesso. (Capo Seattle)
  3. Sono andato alla fine della terra, sono andato alla fine delle acque, sono andato alla fine del cielo, sono andato alla fine delle montagne, non ho trovato nessuno che non fosse mio amico. (Canto per il Dio della Piccola Guerra, Navajo)

  4. “…il grande ‘peccato’ dell’uomo occidentale è di essersi staccato dalla natura, dal suo ambiente. Per lui il sole, la luna, le stelle, i fiori, le piante, gli animali, non sono più né ‘sorelle’ né ‘fratelli’. Dal cosmocentrismo è passato al teocentrismo ed è finito nell’antropocentrismo. La conseguenza ‘perversa’ è stata chiara: se l’uomo è centro di tutto, egli allora diventa despota, può imporre senza remora le sue leggi, può esercitare violenza sulla natura e oppressione sui fratelli. Ma la natura espropriata e manipolata manifesta tutti gli effetti boomerang di un tale intervento”. (Galiano & Marchino (1990)

  5. “Solo quando l’ultimo fiume sarà prosciugato, quando l’ultimo albero sarà abbattuto, quando l’ultimo animale sarà ucciso, solo allora capirete che il denaro non si mangia.” (Capo Toro Seduto dei Sioux Lakota)

  6. Un tempo l’uomo lavorava la selce… oggi lavora il silicio… e domani? (Alfio Tomaselli)

  7. Hanno detto: Tutti vogliono tornare alla natura, ma nessuno ci vuole andare a piedi. (Andrew J. Wollensky)

  8. Al saggio tutta la Terra é aperta, perché patria di un’ anima bella è il mondo intero. (Democrito)

  9. Ci sarà un buon governo solo quando i filosofi diventeranno re o i re diventeranno filosofi. (Platone)

  10. Due cose riempiono l’animo con sempre nuovo e crescente stupore e venerazione, quanto più spesso e accuratamente la riflessione se ne occupa: il cielo stellato sopra di me, e la legge morale in me. (Kant)

  11. Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza. (Dante, Inferno XXVI )

  12. Gli uomini, non avendo potuto guarire la morte, la miseria, l’ignoranza, hanno risolto, per vivere felici, di non pensarci. (Pascal)

  13. I nostri sogni e desideri cambiano il mondo. (Karl Popper)

  14. Il compito degli uomini di cultura è più che mai oggi quello di seminare dei dubbi, non già di raccogliere certezze. (Bobbio)

  15. Il mondo é stato fatto per l’ uomo, e non l’ uomo per il mondo. (F.Bacone)

  16. La cosa migliore é vivere nell’uguaglianza; il nome stesso della moderazione già solo a pronunciarsi é bello; seguirla, poi, é quanto di meglio c’é per gli uomini. (Euripide, Medea)

  17. La grandezza dell’uomo si misura in base a quel che cerca e all’insistenza con cui egli resta alla ricerca. (Heidegger)

  18. L’uomo è misura di tutte le cose: di quelle che sono, per quanto sono, e di quelle che non sono, per quanto non sono. (Pratagora)

  19. Non si piange sulla propria storia, si cambia rotta. (Spinoza)

  20. O siamo capaci di sconfiggere le idee contrarie con la discussione, o dobbiamo lasciarle esprimere. Non è possibile sconfiggere le idee con la forza, perché questo blocca il libero sviluppo dell’intelligenza. (Che Guevara)

  21. Occhio per occhio e il mondo diventa cieco. (Gandhi)

  22. Possiamo essere liberi solo se tutti lo sono. (Hegel)

  23. Ricordati che il miglior medico è la natura: guarisce i due terzi delle malattie e non parla male dei colleghi. (Galeno)

  24. Se esiste un uomo non violento, perché non può esistere una famiglia non violenta? E perché non un villaggio? una città, un paese, un mondo non violento? (Gandhi)

  25. Se l’uomo distoglierà dall’aldilà le sue speranze e concentrerà sulla vita terrena tutte le forze rese così disponibili, riuscirà probabilmente a rendere la vita sopportabile per tutti e la civiltà non più oppressiva per alcuni. (Freud)

  26. Se un uomo è gentile con uno straniero, mostra d’essere cittadino del mondo, e il cuor suo non è un’isola, staccata dalle altre, ma un continente che le riunisce. (Bacone Francesco)

  27. Riconosci nell’animale un soggetto, non un oggetto? Allora sii coerente, non domandare “che cosa” mangiamo oggi, ma “chi” mangiamo oggi. (Charlotte Probst)

  28. Verrà un tempo in cui considereremo l’uccisione di un animale con lo stesso biasimo con cui consideriamo oggi quella di un uomo. (Leonardo Da Vinci)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: